VISTO & RESIDENZA

Informazioni su visti e residenza in Italia

Forse è l'architettura, forse è lo stile di vita alla moda, forse è il cibo, il caffè, Venezia, il Colosseo, Da Vinci ... e tutto il resto. Il punto è che gli espatriati stanno prendendo sempre più in considerazione la possibilità di vivere nello "Stivale".

Informazioni sull'Italia: uno dei paesi più culturalmente ricchi d'Europa

Se stai cercando il classico stile di vita del Vecchio Mondo, l'Italia merita la tua attenzione. Le città antiche sono affascinanti, le campagne sono meravigliose e le metropoli come Roma, possono rendere la tua permanenza interessante e soddisfcente ed anche più conveniente che altri Paesi.

Cittadini UE e non UE

Gli espatriati possono richiedere permessi diversi a seconda di quanto tempo desiderano rimanere in Italia e da dove provengono. I cittadini dell'UE non hanno bisogno di un visto per entrare in Italia, indipendentemente dalla durata prevista del soggiorno. Se non sei un cittadino UE, le cose diventano più interessanti. Tutti i cittadini extracomunitari devono richiedere un visto se prevedono di rimanere per più di 90 giorni.

Tipologie di visti italiani

Visto Schengen / Visto turistico (Dichiarazione di Presenza)

Un visto per soggiorni di breve durata Schengen dà diritto al titolare di visitare tutti i paesi all'interno dell'area Schengen, quali: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Spagna e Svezia.

Questo tipo di visto ha una durata di 90 giorni e viene timbrato all'arrivo. Tuttavia, è importante conservare una copia della ricevuta timbrata. I requisiti includono la prova del reso (un biglietto aereo di andata e ritorno per 90 giorni o meno). Potrebbe essere necessario mostrare la prova dei mezzi di sussistenza, che corrisponde ad un importo di circa 300 € a seconda di quanto tempo rimarrai in Italia.

I turisti che arrivano da un paese Schengen devono richiedere la dichiarazione entro otto giorni dall'arrivo. Puoi trovarlo alla stazione di polizia locale o se alloggi in un hotel, il personale può fornire e presentare la dichiarazione al momento del check-in. Ecco una versione PDF della dichiarazione.

Dopo aver ricevuto questo visto, non sarai in grado di richiedere un altro visto Schengen prima che siano passati 180 giorni.

Permesso di Soggiorno

Questo visto è destinato ai cittadini al di fuori dell'area Schengen che desiderano soggiornare in Italia per più di tre mesi. A seconda del caso, è possibile ottenerlo da 6 mesi a 2 anni. È rinnovabile e ha una durata massima di 5 anni. Alla scadenza va richiesto un visto permanente.

I tipi di permessi includono:

  • Permesso di soggiorno per coesione familiare: visto di residenza per coniugi e figli di un cittadino italiano
  • Permesso di soggiorno per lavoro: un permesso di lavoro
  • Permesso di soggiorno per lavoro autonomo/indipendente: per imprenditori e lavoratori autonomi
  • Permesso di soggiorno per studio: un visto per studenti
  • Permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare: per la riunione di coniuge, figli e genitori a carico di stranieri sposati con cittadini italiani. Vale anche per i familiari d'oltremare
  • Permesso di soggiorno per dimora: per gli stranieri che stabiliscono la residenza in Italia che non intendono lavorare o studiare. Principalmente espatriati.

Permesso di soggiorno di lunga durata EC (Permesso di Soggiorno per Soggiornanti di Lungo Periodo, S.L.P)

Questo è il visto di residenza permanente per l'Italia. Per la candidatura sono necessari almeno 5 anni di vita in Italia. È possibile presentare domanda tramite il servizio postale o presso un ufficio municipale designato.

Il permesso di soggiorno di lunga durata EC dà il diritto di entrare in Italia senza visto, di lavorare e di usufruire dei servizi di previdenza sociale.

La Polizia di Stato fornisce informazioni dettagliate sul visto italiano. Specifica inoltre, che non è possibile richiedere una residenza EC per i seguenti motivi:

  • Studio o formazione professionale e ricerca scientifica
  • Protezione temporanea o altri motivi umanitari
  • Asilo o in attesa di una decisione per il riconoscimento come rifugiato
  • Se si è titolare di un permesso di soggiorno di breve durata
  • Se si possiede un passaporto diplomatico, ufficiale e di servizio

Certificato di Residenza

Questo visto si applica a tutti i cittadini dell'UE che desiderano soggiornare per più di tre mesi in Italia. È molto più facile da ottenere, poichè può essere fatto tutto online in pochi clic.

Secondo l'OSP, il richiedente deve soddisfare i seguenti criteri:

  • Essere lavoratori autonomi in Italia
  • Avere risorse sufficienti per se stessi ed i propri familiari. Questo al fine di non diventare un onere per il sistema di assistenza sociale durante il periodo di residenza
  • Essere iscritti in un istituto pubblico o privato per seguire un corso di studi
  • Esseri membri della famiglia che accompagna o si unisce ad un cittadino dell'Unione che ha il diritto di risiedere in Italia per più di tre mesi

Requisiti di lavoro e commerciali in Italia

Prima di fare il grande passo, l'informazione più importante è sapere come ottenere un visto di lavoro in Italia. Un visto per permesso di lavoro in Italia è un requisito assoluto per un cittadino americano o di altra nazionalitè che lavora in Italia, compresi i liberi professionisti. E' indispensabile presentare domanda presso il Ministero degli Affari Esteri italiano, presso un'ambasciata o un consolato di zona prima di lasciare il paese di appartenenza.

Per lavorare in Italia è richiesta anche una tessera previdenziale e la registrazione per l'assicurazione sanitaria. Puoi ottenerli tramite il tuo datore di lavoro o direttamente dalle autorità INPS.

Mentre il lavoro in Italia per chi parla inglese è ampiamente disponibile. Se non parli italiano, considera di assumere un traduttore per preparare il tuo CV.

Per avviare un'attività in Italia, la via più semplice è quella di assumere un notaio professionista che possa gestire ogni aspetto della formazione legale e della registrazione della tua azienda con il registro delle imprese. I lavoratori autonomi ed i liberi professionisti di solito devono anche registrarsi presso le autorità fiscali, al fine di essere trattati come soggetti a fini fiscali.

Opportunità di lavoro in Italia

Sia che tu voglia lavorare in Italia per un anno o trovare una nuova carriera e stabilirti definitivamente, i lavori vanno dal tradizionale lavoro di espatriato temporaneo a posizioni professionali nei principali settori.

Le industrie che storicamente soddisfano i dipendenti stranieri sono ancora numerose in Italia. Tuttavia, ci sono meno opportunitè di lavoro rispetto ai paesi in via di sviluppo. Con un'adeguata certificazione, gli espatriati possono trovare lavoro come insegnanti di inglese, ragazze alla pari e tate o altre posizioni nel campo dell'istruzione. Anche l'industria del turismo rimane popolare tra gli espatriati. Alberghi, ristoranti ed altre destinazioni di viaggio hanno sempre bisogno sia di personale stagionale che di dipendenti qualificati permanenti. Dagli istruttori di sci delle Alpi alle posizioni del personale sugli yacht al largo delle coste.

Se stai cercando lavoro in un settore professionale specifico, la situazione è più complicata. Gli italiani di solito prediligono queste posizioni e gli stranieri potrebbero non avere le credenziali idonee, anche se hanno l'istruzione e l'esperienza adeguate. Tuttavia, se si dispone di competenze in un settore molto richiesto con una carenza di aspiranti qualificati, le prospettive sono migliori. Se parli italiano, una volta assunto, riceverai gli stessi vantaggi di qualsiasi dipendente italiano. I settori con una significativa necessità di stranieri qualificati includono la biotecnologia, l'Information Technology e l'industria finanziaria.

Le opportunità di lavoro variano anche in base alla regione. Il lavoro a Roma è la scelta per coloro che cercano lavori di governo, relazioni internazionali e lavori sociali. Milano è il centro finanziario del paese e sede della borsa italiana. Se stai cercando lavori più tradizionali nei servizi o nell'istruzione, avrai opzioni in tutto il paese. Le posizioni turistiche sono concentrate nei maggiori centri storici come Roma, Firenze e Venezia.

Imprenditorialità in Italia

Se il tuo sogno è quello di avviare un'attività in proprio o spostare un'impresa esistente all'estero, l'Italia offre una serie di prospettive interessanti. Le recenti modifiche legali rendono più semplice che mai l'apertura di un'attività in Italia, in particolare per gli imprenditori più giovani.

Oltre ad un notaio autorizzato, gli esperti raccomandano anche di richiedere la consculenza di un "commercialista". Una solida relazione con un commerciante affidabile può aiutarti a navigare nelle difficili fasi di apertura e buroscrazia.

Aperture commerciali in Italia

Le aperture per gli stranieri sono diverse e includono il settore turistico sorprendentemente non sviluppato in Italia. Bed-and-breakfast e tour operator sono scelte popolari per gli imprenditori espatriati. Molti altri stranieri hanno anche avuto successo con servizi professionali. La medicina e l'odontoiatria sono carriere diffuse.

Roma e le altre città principali, insieme alle destinazioni costiere, sono popolari tra gli imprenditori del turismo e del tempo libero. Se hai intenzione di avere persone di madrelingua inglese tra la tua clientela, ha anche senso localizzarsi in una regione d'Italia con una fiorente comunità di espatriati.

D'altra parte, le regioni meno conosciute che ora attirano l'attenzione degli stranieri, come l'Abruzzo, offrono una serie di opportunità, sia nel turismo che in altri settori. Il restauro della casa e la conservazione storica sono popolari tra gli espatriati in regioni come la Toscana. La Sicilia e la Sardegna sono mercati affollati, ma comunque ottime location per imprenditori con nuove idee.

Ancor più di coloro che cercano lavoro in Italia, gli imprenditori espatriati dovrebbero fare del loro meglio per imparare la lingua. La famigerata burocrazia italiana ha apportato alcune importanti riforme negli ultimi anni e quindi navigare nelle istituzioni del Paese sarà molto più semplice se parli italiano.

Soprattutto, la lingua ti aiuterà ad integrarti nella cultura aziendale del Paese. Questa è una cultura che differisce in modo importante dalle idee americane di imprenditoria e start-up. Preparati a diversi modi di operare quando si tratta di riunioni, relazioni d'affari e accordi.

Un'apertura in Europa

In quanto importante membro dell'Unione Europea, l'Italia offre agli immigrati in cerca di lavoro ed imprenditori un punto di partenza perfetto per le opportunità europee. Gli insegnanti di inglese, ad esempio, possono scegliere di lavorare in Italia per un anno e poi spostarsi verso altre destinazioni nell'UE.

Per gli imprenditori, operare in un paese dell'UE fortemente integrato come l'Italia significa aprirsi ai mercati europei. I viaggi gratuiti nella zona Schengen mettono i viaggiatori di tutto il continente a portata di mano e i 500 milioni di consumatori dell'UE sono tutti potenziali clienti.